Jin Shin Do®

 

download (1)

 

 

LA DIGITOPRESSIONE JIN SHIN DO®

Una disciplina integrabile con lo SHIATSU

Emozioni represse, comportamenti controllati, un corpo rigido e scoordinato. Impieghiamo cosi tanta energia per frenare emozioni negative che diveniamo incapaci di vivere anche quelle positive.

Esiste una tecnica semplice e delicata La DIGITOPRESSIONE JIN SHIN DO® che offre una via naturale per affrontare gli stress emozionali e fisici della vita.

Jin Shin Do® (la “Via dello Spirito compassionevole”) è una sintesi eccezionale di tecnica classica giapponese di digitopressione, teoria di medicina tradizionale cinese, teoria dei segmenti di Reich, filosofia taoista ed esercizi Qigong. Questa tecnica, creata da Iona Marsaa Teeguarden, M.A., L.M.F.T., identifica una serie di punti tesi sul corpo e li associa ad alcune problematiche comuni di tipo fisico e di tipo psichico quali ansia, depressione, sensi di colpa e rabbia. Essa insegna inoltra a rilasciare le tensioni fisiche ed emotive trasformando, anziché sopprimere, gli stati d’inquietudine conducendo ad una vita più gioiosa ed armoniosa.

Il termine “digitopressione” include tutte le tecniche che utilizzino la pressione delle dita applicata su “punti” col fine di ridurre la tensione e ristabilire l’equilibrio energetico. I metodi di digitopressione sono vari, da semplici e sintomatici a sofisticati e profondamente terapeutici. Jin Shin Do include ambedue questi aspetti e per questo puú essere utilizzato come strumento di auto trattamento oppure nel campo terapeutico professionale. Esso stimola un profondo senso di rilassamento, incrementando la consapevolezza del corpo-mente. Jin Shin Do si differenzia dall’agopuntura poichè non vengono utilizzati aghi ed il cliente viene sostenuto tramite un tocco speciale in grado di evocare un senso di avvolgimento, di coinvolgimento e di sicurezza. La pressione si differenzia da quella dello Shiatsu per essere più lenta e calma ed avere un effetto più profondo sull’armatura muscolare.

Jin Shin Do si basa sui “Vasi Curiosi”, una sorta di scorciatoia per raggiungere l’equilibrio energetico. Utilizza un sistema particolare formato da 45 punti, una mappa colorata e una serie di “flussi” (un flusso é una sorta di formula di punti) in grado di rendere semplice ed alla portata di tutti l’utilizzo dello Jin Shin Do per se stessi, per la famiglia e per gli amici. Lo studente può poi approfondire e continuare gli studi imparando i 12 “Meridiani organici” oltre che un altro centinaio di punti. Durante i corsi s’impara a combinare questi potenti punti premendo uno o più “punti distali” combinati con un punto di tensione detto “punto locale”. Il punto distale aiuta l’area tesa a lasciarsi andare più facilmente, più profondamente e più piacevolmente.

Quando non rispettiamo le nostre emozioni reprimendole con la tensione muscolare, non lasciando che essi ci guidino, blocchiamo anche il flusso energetico che fluisce nei canali, nei meridiani e negli organi interni.

Tale rigidità che viene a crearsi principalmente a livello delle spalle, della schiena e del collo, è l’energia che interrompe il suo scorrere attraverso i punti. Una delle migliori medicine preventive è quindi quella di imparare a prendere consapevolezza delle proprie emozioni,

ascoltarle e permettere loro l’espressione appropriata. IN QUESTO CASO I VASI CURIOSI HANNO UN EFFETTO CALMANTE E RIEQUILIBRANTE.

Jin shin do permette di lavorare sui piani fisici, mentali e spirituali, portandoci a coscienza del nostro mondo interiore e a provare un senso di consapevolezza e calma.

La digitopressione quasi certamente piu antica dell’agopuntura, si basa sulla prevenzione, sulla ricerca di un buon equilibrio psicofisico, sul concetto che la salute sia uno stato d’equilibrio energetico e che la malattia ne sia uno stato alterato.

Inoltre la corazza corporea è una tensione fisica profonda che tende a creare o ricreare uno squilibrio emozionale. Corazzarsi e irrigidirsi significa porre resistenza; cosi facendo tentiamo di evitare di riprovare emozioni o sentimenti di cui abbiamo gia fatto una esperienza negativa: tentiamo di reprimere emozioni come la rabbia, la paura, l’amore, il dolore o la fatica.

Corazzarsi significa rendersi insensibili al fine di evitare cio che è spiacevole: invece che accettare ed esplorare i nostri sentimenti, poniamo resistenza e cerchiamo di bloccarli.

Attraverso la pratica di Jin shin do è possibile acquisire consapevolezza dell’unione corpo-mente e dei collegamenti energetici che uniscono l’uomo all ‘ambiente che lo circonda. Si può invertire la tendenza allo squilibrio iniziando ad eliminare le barriere che sono state erette ed imparare a gustare la vita.

LO SCOPO NON E’ DIVENTARE PERFETTI MA FELICI E LIBERI.

Daniela Putignano – Authorized JSD Operator

Jin Shin Do® Foundation – Sito Web Ufficiale USA

Bodymind Acupressure®